Archivio mensile gennaio 2019

16ma giornata | Riprende la corsa in testa al girone: Sporting Audax San Severino – Atletico Faiano 3-2

Riprende il suo cammino lo Sporting Audax San Severino che torna alla vittoria superando in casa l’Atletico Faiano. Dopo la sconfitta interna con l’Honveed Coperchia, per la formazione del presidente Abate due buone notizie: i tre punti restituiti dalla giustizia sportiva (quelli tolti per il reclamo del Domicella, ritenuto poi giustamente infondato…) e la ritrovata salute della sua squadra. Il banco di prova della gara dell’Atletico Faiano è servito per capire se la battuta d’arresto di domenica scorsa fosse stato solo un incidente di percorso, oppure un’avvisaglia di crisi. La prestazione di Orabona e compagni ha dissipato i dubbi, anche se ogni tanto la squadra si concede delle pause da peccato di presunzione. Ed anche contro i picentini così è stato.

Fin dalle prime battute si è capito che lo Sporting Audax San Severino avrebbe tenuto le redini della gara tra le sue mani. Infatti, dopo una prima parte di studio iniziale durata 10’, la compagine di Esposito è passata in vantaggio: Gagliardi apre d’esterno per Cilento che scappa sull’out di sinistra verso il fondo, palla scodellata in mezzo e Orabona che anticipa difensore e portiere in uscita per la prima firma del match.

L’Atletico Faiano si mette in marcia  e si avvicina dalle parti di Della Spada: prima su tiro di Mazza (15’) e poi su punizione dal limite di Rega (18’) il portiere di casa si fa trovare attento. Lo Sporting, dal canto suo, continua a fare il suo gioco. Al 20’ lo scambio Gagliardi – Minella apre un varco per Orabona che d’un soffio viene anticipato a botta sicura. Ma il secondo gol è nell’aria. Dopo un minuto un tiro dal limite di Abate è rimpallato da un difensore poco prima della lunetta dei 16 metri, lo stesso Abate rilancia per Orabona sul filo del fuorigioco che, giudicato in posizione regolare (arbitro ben piazzato), entra in area e supera il portiere avversario. Passato in doppio vantaggio lo Sporting tira i remi in barca mettendo in condizione gli avversari di avvicinarsi troppo pericolosamente dalle parti di Della Spada. E in una di queste occasioni Marotta (33’) trova il tiro maligno che, pur se intercettato dall’estremo difensore di casa, finisce in rete.

Lo Sporting si rimette al lavoro ma al 38’ è la traversa a dire di no al colpo di testa di Gagliardi su imbeccata di Caldarelli dalla destra. Si va quindi al riposo.

La ripresa vede ricominciare i ragazzi di Esposito a macinare metri ed al 58’ arriva il 3-1: Cilento vince un rimpallo e scappa sulla corsia di sinistra per servire in mezzo all’area l’accorrente Minella che di sinistro la piazza nel sacco sotto alla traversa.

Sul vantaggio i padroni di casa tirano nuovamente i remi in barca ed l’Atletico ne approfitta. Al 79’ Della Spada compie un vero miracolo deviando in angolo un gran tiro a giro di Marotta destinato nell’angolino alto alla sinistra del portiere di casa. I picentini ci credono ed un minuto dopo accorciano le distanze. Grazie da una dormita generale della difesa dello Sporting  davanti alla porta di Della Spada succede di tutto: per ben due volte in mischia il portiere di Cetara riesce miracolosamente a sventare la battuta a rete a colpo sicuro di due avversari ma deve arrendersi alla zampata di Mazza che firma il 3-2.

Le urla di mister Esposito verso i suoi hanno l’effetto di svegliare lo Sporting che si riporta in area avversaria ed in pieno recupero arriva anche l’opportunità del 4-2. Altimari è travolto in area da Di Matteo e l’arbitro assegna il penalty. Sul dischetto ci va lo stesso Altimari che però tira centrale e male ed il portiere avversario può sventare l’incremento del passivo per la sua squadra. Sarà l’ultima azione degna di nota. Al termine di quattro minuti di recupero assegnati l’arbitro decide per il definitivo stop al match.

Per lo Sporting Audax San Severino ricomincia così il cammino interrotto.

 

Sporting Audax San Severino – Atletico Faiano 3-2

Sporting Audax San Severino: Della Spada, Caldarelli, Cilento (dal 29’ st Bracciante), De Pascale (dal 21’ st Altimari), Lioi, Delle Donne, Gagliardi (dal 1’ st Sica), Abate, Orabona (dal 27’ st De Luca), Minella, Rodia (dal 1’ st Mercogliano). A disp.: Cuccurullo, Tabatabie, De Angelis, All.: Esposito

Atletico Faiano: Di Matteo, Lamberti, Del Giudice, Ametrano, Santamaria, Marotta, De Conciliis, Mazza, Sandrigo, Ceresoli, Rega (dal 21’ st Coppola). A disp.: Porcaro All.: Aversa

Arbitro: Cesarano di Torre Annunziata.

Marcatori: Orabona (S.A.) al 10’ e al 21’; Marotta (A.F.) al 33’; Minella (S.A.) al 58’; Mazza (A.F.) all’80’.

Note: terreno di gioco in ottime condizioni, temperatura rigida. Spettatori 100 circa. Ammoniti: Rodia, Orabona, Della Spada, Ametrano. Espulso: Del Giudice.

 

26 gennaio 2019

Giustizia sportiva, restituiti i tre punti per la gara con il Domicella. Il presidente Abate: “Mai avuto dubbi”

Giustizia è fatta! Restituiti allo Sporting Audax San Severino i tre punti regolarmente conquistati sul campo ed invece tolti da un reclamo che non aveva nessun fondamento.

“Non ho mai avuto nessun dubbio sulla giustizia sportiva visto che non ne avevo neanche per le capacita e la correttezza dei miei dirigenti – ha dichiarato il presidente Luigi Abate subito dopo l’esito del ricorso – ora dobbiamo di nuovo concentrarci sul cammino che ci attende in campionato”.

Questo il testo integrale del comumicato della Lega Calcio Dilettanti sul ricorso:

Componenti: Avv. E. Russo (Presidente f.f.); Avv. F. Mottola; Avv. G. Benincasa.
Reclamo SPORTING AUDAX in riferimento al C.U. n.64 del 13/12/2018 – Gara: Sporting Audax/ Sporting Domicella del 18/11/2018. Campionato Prima Categoria.
La Corte Sportiva di Appello Territoriale, letto il reclamo; visti gli atti ufficiali, rileva che lo stesso va accolto. Invero, la società Sporting Audax proponeva ritualmente ricorso avverso la decisone del GST, pubblicata sul C.U. 64 del 13/12/2018, che aveva disposto, ex. Art. 17 comma 1 e 19 lettere c,e,f, del C.G.S. la punizione sportiva della perdita della gara per 0-3, l’ammenda di euro 150.00,
nonché la squalifica per una gara cadauno ai calciatori Nigro Gianluca e Saulle Domenico e la squalifica al dirigente accompagnatore Luigi Abete sino al 17/1/2019 sul presupposto che i predetti calciatori non avevano scontato per intero la squalifica inflitta loro nella stagione agonistica 2017/2018 e pertanto non avrebbero potuto prendere parte alla gara in oggetto. La società reclamante deduceva che i predetti calciatori erano stati trasferiti entrambi a titolo temporaneo in data 8/9/2018 alla soc. Us Grigio Rossi 1927 per poi in data 16/10/2018 essere stati oggetto di
rientro dal prestito, ex art. 103 bis e pertanto, concludeva che le rispettive squalifiche erano state scontate. La C.S.A.T. esaminato il reclamo, letti gli atti ufficiali ed esperite le indagini presso l’ufficio tesseramento competente ha verificato che effettivamente i calciatori Saulle Domenico e Nigro Gianluca potevano prendere parte alla gara in oggetto avendo scontato le rispettive squalifiche nelle gare di seguito riportate. Saulle Domenico (squalifica sei giornate) non ha preso parte alle gare Us
Grigio Rossi 1927 – Calpazio (15-09-2018); Us Poseidon 1958 – Us Grigio Rossi 1927 (22-09-2018); Us Grigio Rossi 1927 – Rocchese (29-9-2018); Giffonese – Grrigio rossi 1927 (6-10-2018); Us Grigio Rossi 1927 – Giffoni sei Casali (14-10-2018); Calcio Gioventu Tramonti – Sporting Audax
—————————————————————————————————————————————————–
F.I.G.C. – L.N.D. – C.R. Campania – Comunicato Ufficiale n. 82 del 24 gennaio 2019 Pagina 1443
(22-10-2018); Nigro Gianluca (squalifica otto gare) non ha preso parte a tutte le gare innanzi riportate nonché alle seguenti: Sporting Audax – Pro s. Giorgese (27/10/2018) e Sporting Audax –
San Valentino (3-11-2018). P.Q.M.
la Corte Sportiva di Appello Territoriale
DELIBERA
di accogliere il ricorso e per l’effetto annulla la decisone del GST pubblicata sul C.U. n.64 del 13/12/2018; omologa il risultato della gara con il punteggio conseguito sul campo di 4/0 a favore della società Sporting Audax. Ordina restituzione della tassa già versata.

15ma | Il girone d’andata si chiude con una sconfitta: Sporting Audax San Severino – Honveed Coperchia 1-2

L’Honveed Coperchia si aggiudica lo scontro al vertice del girone contro lo Sporting Audax: la formazione allenata da Pessolano espugna il Superga con il punteggio di 2-1 e stacca in classifica proprio gli avversari di giornata. Gli ospiti restano così in vetta insieme alla Valle Metelliana con le inseguitrici a distanza di tre punti. Tutto ancora aperto dunque per lo Sporting, che incappa nella prima sconfitta dopo un bel filotto di risultati utili consecutivi.

A partire forte è la formazione padrona di casa, che sfiora il vantaggio con Mercogliano, che prova a sorprendere Marino dalla distanza, ma il portiere ospite non si fa sorprendere. La risposta dell’Honveed è affidata a Di Giacomo, che direttamente da calcio di punizione va vicino al vantaggio. Ci prova anche Carbone, ma il suo diagonale sfiora solamente il palo della porta di Cuccurullo. Lo Sporting si fa rivedere in avanti con Orabona, ma la sua conclusione potente direttamente da calcio di punizione viene disinnescata in due tempi dall’estremo difensore avversario. Il botta e risposta del primo tempo continua con il tentativo di Avallone, su cui Cuccurullo si supera allontanando il pallone quando questo è proprio sulla linea di porta. L’Honveed si fa vedere anche sulle ripartenze, ma Fierro, lanciato a rete in velocità, non riesce a centrare lo specchio di porta. La replica dello Sporting Audax è affidata a Caldarelli che, appostato in ottima posizione nell’area di rigore avversaria, non riesce a trovare il tempo giusto per battere a rete e si fa murare la conclusione dall’intervento provvidenziale di Iovane. Sull’azione seguente arriva il vantaggio degli ospiti: Di Giacomo batte a rete direttamente da calcio di punizione con Cuccurullo che non vede partire il pallone, nascosto da una selva di gambe. Passano appena 2’ e l’Honveed raddoppia con il contropiede ottimamente chiuso in rete dal pallonetto di Peluso. Termina così un primo tempo ricco di emozioni.

Nella ripresa, lo Sporting rialza subito la testa e Gagliardi si guadagna un calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Orabona che non sbaglia e accorcia le distanze. L’Audax alza i ritmi e sfiora il pari prima con Minella, poi con il colpo di testa di Caldarelli su cross di Ragosta. Nel finale, i padroni di casa si lanciano all’attacco, ma non riescono a pungere dalle parti di Marino e l’Honveed può esultare.

 

Sporting Audax San Severino – Honveed Coperchia 1-2

Sporting Audax San Severino: Cuccurullo, Caldarelli, Ragosta (39′ st De Angelis), De Pascale (32′ st De Luca), Cilento, Lioi, Altimari (1′ st Rodia), Abate, Orabona, Minella (19′ st Gagliardi), Mercogliano. All.: Esposito.

Honveed Coperchia: Marino, Oliva, Iovane, Fierro, Gallo, Coccorullo, Di Giacomo (14′ st Giordano), Festa, Peluso (28′ st Basso), Avallone (9′ st Salzano), Carbone (32′ st Sersante (48′ st Giella). All.: Pessolano.

Arbitro: Sannino di Torre Annunziata.

Marcatori: 33′ pt Di Giacomo, 35′ pt Peluso, 1′ st rig. Orabona.

Note: terreno di gioco in ottime condizioni, temperatura rigida. Spettatori presenti 25° circa. Ammoniti Coccorullo, Peluso, Festa, Mercogliano, De Pascale, De Angelis.

 

20 gennaio 2019

14ma giornata | Si vince anche a Sarno: Intercampania – Sporting Audax San Severino 0-2

Gara dal destino già scritto, con lo Sporting a rispettare la propria tabella di marcia e la formazione sarnese che vede la sua classifica sempre più critica. I valori in campo sono stati ampiamente rispettati anche se il risultato sembra non rispecchiare adeguatamente la superiorità dei ragazzi del presidente Luigi Abate. Merito del portiere avversario Leo che ha evitato in più di una circostanza che il passivo per la sua squadra potesse essere più grave.

Già dai primi minuti si è capito che lo spartito potesse essere quello dello Sporting riverso nella metà campo avversaria e l’Intercampania con i soliti lanci lunghi per affidarsi dagli spunti del solo Prospero, unico attaccante in campo nemico ma ben controllato dal pacchetto arretrato della formazione di Gianni Esposito.

Dopo la solita fase iniziale di assestamento lo Sporting potrebbe già passare in vantaggio: al 19’ Caldarelli dalla destra mette in mezzo per l’accorrente Orabona che cerca di colpire a botta sicura ma il diretto marcato lo anticipa di un soffio. Lo Sporting continua a premere ma senza affannarsi più di tanto.

Poco dopo la mezzora ci prova Minella, su punizione da fuori area: palla a giro ma il tiro sfiora solo il palo.

Al 44’ arriva il gol del vantaggio. Il solito folletto Gagliardi semina panico tra gli avversari e s’incunea in area, l’impatto con Palumbo è netto ed inevitabile, il direttore di gara non ha alcuna esitazione nell’indicare il calcio di rigore. Dal dischetto un concentratissimo Orabona spiazza il portiere avversario e firma l’ennesima segnatura personale.

A questo punto lo Sporting Audax San Severino vuole chiudere subito la pratica, la mira di Lioi di testa non è quella giusta sull’invito di Ragosta direttamente su calcio d’angolo.

In pieno recupero arriva lo 0-2: taglio in area di Abate per Minella che con un drop da sotto salta il portiere e piazza la palla nel sacco. Sarà l’ultima azione della prima frazione.

Nel secondo tempo lo spartito non cambia, lo Sporting tiene in predominio del campo e l’Intercampania fa quello che può.

Mister Esposito ne approfitta per effettuare una rirandola di sostituzioni per dare spazio anche agli altri validi elementi in panchina.

Nell’unica occasione che si affaccia dalle parti dell’infreddolito Cuccurullo l’intercampania non sfrutta a dovere un calcio di punizione dal limite dell’area, con Bello al 20’ che manda alto sulla traversa.

Per contro lo Sporting cerca ancora la rete ma sale in cattedra Leo che mette pezza dappertutto. Al 24’ Mercogliano apre sulla destra per De Luca che in area spara verso la porta ma il portiere avversario devia in angolo. Dopo due minuti è Mercogliano a fare tutto da solo ma ancora Leo dice di no.

Al 33’ Mercogliano ispira Abate ma il suo tiro si perde fuori di poco. Passano due minuti e lo scambio Sica – Mercogliano viene neutralizzato ancora da Leo. Al 37’ ancora Leo dice no a Mercogliano, tutto solo in area.

A questo punto lo Sporting capisce che è inutile sprecare altre forze e gestisce la gara fino al fischio di chiusura del signor Panariello di Agropoli.

Un successo che vale i quartieri alti della classifica e che è preludio allo scontro diretto di domenica prossima.

 

 

Intercampania – Sporting Audax San Severino 0-2

Intercampania: Leo, Manzo, Gaito, Bello, De Prisco (8’ pt Liguori), Palumbo, D’Amato, Iacoletti, Molisse C., Molisse A., Prospero. A disp.: De Filippo, Cerbone, Gioia, Ricci, Manzo. All.: Sabbarese.

Sporting Audax San Severino: Cuccurullo, Caldarelli (15’ st Pierri), Saulle (27’ pt Ragosta), De Pascale, Lioi, Delle Donne (13’ st Bevilacqua), Gagliardi (7’ st Mercogliano), Abate, Orabona (11’ st De Luca), Minella, Sica. A disp.: Della Spada, Cilento, Rodia, Tabatabie. All.: Esposito.

Arbitro: Panariello di Agropoli.

Marcatori: 44’ pt rig. Orabona, 49’ pt Minella.

Note: terreno di gioco in ottime condizioni, temperatura rigida. Spettatori circa 100. Ammoniti: Gaito, Iacoletti, Sica, De Pascale. Espulso: Palumbo (doppia amm.).

 

12 gennaio 2019

13ma giornata | Il primo successo del 2019 vale la testa della classifica: Sporting Audax San Severino – Olympic Salerno 2-1

Un successo che vale oro (per la classifica) quanto pesa (contro un’ottima formazione). Doveva ricominciare lì dov’era finito il vecchio anno lo Sporting Audax San Severino, con una nuova vittoria. E così è stato. Nel 2019 riprende la corsa della compagine del presidente Luigi Abate che dalla Befana riceve tre punti e testa della classifica. E non si poteva chiedere di meglio.

Con questo nuovo successo i ragazzi di Gianni Esposito proseguono il loro cammino nell’insidioso torneo del girone E di Prima Categoria, tenendo testa alle cosiddette favorite dal pronostico di inizio stagione. Non è stata però una gara facile quella giocata da Orabona e soci. Dopo una settimana di duro lavoro, pure con richiami di rafforzamento fisico, non è stata una gara rose e fiori. A rendere più complicate le cose anche l’Olympic (ben messa in campo da mister De Sio) che ha venduto cara la pelle, grazie anche ad un super  D’Arienzo tra i pali, e che dimostra di essere meritevole di ben altra classifica.

Un match che ha dato vita ad un confronto molto tattico, forse non bello, a volte anche duro, ma molto corretto. Infatti la prima frazione racconta ben poco in fatto di occasioni. La prima della gara è stata dell’Olympic che con Amato ci ha provato da fuori ma il tiro, centrale, è stato facile preda di Cuccurullo. Al 12’ è la squadra di casa a costruire una bella palla-gol: Mercogliano mette in moto Caldarelli in fuga sulla destra che scodella al centro dell’area per Minella sul cui tiro a botta sicura si oppone alla grande D’Arienzo. Lo Sporting ci riprova al 19’, stavolta è Abate a lanciare sulla corsia destra ancora Caldarelli che imbecca Orabona, il tiro del bomber sfiora solo il palo alla destra di D’Arienzo che non ci sarebbe arrivato.

Il meglio però arriva nella ripresa. Già al 1’ D’Arienzo deve fare gli straordinari su Orabona che in area semina il diretto marcatore ma trova la porta sbarrata.

Al 12’ arriva il vantaggio Sporting. Rodia vede l’inseriemento di Minella tra le linee e serve al bacio per il numero 10 di Esposito che si esibisce in uno dei suoi numeri migliori: tiro dal limite dell’area e palla che s’insacca nell’angolino alla destra dell’incolpevole D’Arienzo.

La gioia dei giocatori di Esposito dura però solo una decina di minuti. La squadra di De Sio si butta in avanti ed al 22’ guadagna una punizione nella tre quarti avversaria. Scambio Viviano per Contente e palla in mezzo all’area, dormita generale della difesa Sporting e Acquaviva di testa centra alla grande l’occasione per mettere la sua firma alla rete del pareggio.

L’Olympic cerca di sfruttare psicologicamente il momento e si riversa nella metà campo avversaria alla ricerca di un clamoroso colpo del ko ma il gol non ha l’effetto di tagliare le gambe alla compagine di casa che subito riprende a macinare gioco.

Al 31’ arriva il vantaggio dello Sporting. Abate subito imbecca appena in area Orabona che si aggiusta la palla, anticipa il diretto avversario e spara verso la porta. D’Arienzo in tuffo intercetta ma non blocca, quanto basta per consentire al folletto Gagliardi di avventarsi come un falco sulla sfera e metterla dentro.

Il finale di gara vede l’Olympic riversa nella metà campo avversaria mentre i ragazzi di Esposito sfruttare l’arma del contropiede, molto spesso letale. Stavolta però l’esito del match sarà il risultato di forte sofferenza nel rintuzzare l’assalto dei ragazzi di De Sio. E se Minella e Gagliardi “creano”, Cuccurullo (come direbbe lo slogan di una vecchia pubblicità…) “conserva”: infatti, il portiere di casa al 90’ compie un vero miracolo deviando in angolo una bomba maligna da fuori area di Bosco che sembrava destinata a ficcarsi nell’angolino. Dopo quattro minuti di recupero che diventano cinque il triplice fischio dell’ottimo arbitro Rotondo di Castellammare di Stabia mette fine al match. Per lo Sporting Audax San Severino il 2019 comincia con il piede giusto.

 

Sporting Audax San Severino – Olympic Salerno   2-1

Sporting Audax San Severino: Cuccurullo, Caldarelli, Ragosta, Rodia (De Pascale dal 21’ s.t.), Lioi, Cilento, Mercogliano (Gagliardi dal 28’ s.t.), Abate, Orabona (De Angelis dal 41’ s.t.), Minella (Altimari dal 36’ s.t.), Sica. A disp: Della Spada, Bevilacqua, Pierri, Bracciante, Tabatabie. All. Esposito.

Olympic Salerno: D’Arienzo, Bosco, Malangone (D’Amico dal 19’ s.t.), Pifano (De Fato dal 16’ s.t.), Acquaviva, Albini, Amato, Contente, Chiariello, Viviano, Condolucci E. (Marano dal 30’ s.t.). A disp.: Mugnani, Avagliano, Panella, Trimarco, De Simone, Condolucci A. All.: De Sio

Arbitro: Rotondo di Castellammare di Stabia

Marcatori: Minella (S.A.) al 12’ s.t.; Acquaviva (O.S.) al 22’ s.t.; Gagliardi (S.A.) al 31’ s.t.

Note: terreno di gioco in ottime condizioni, temperatura rigida. Spettatori presenti 100 circa. Ammoniti: Cilento, Altimari, Ragosta, Pifano, Acquaviva.

 

Sporting A. – Olympic S. 2-1: intervista post-partita a Giovanni Esposito

Sporting Audax San Severino – Olympic Salerno 2-1Intervista post-partita a Giovanni Esposito

Pubblicato da Sporting Audax San Severino ASD su Sabato 5 gennaio 2019

 

5 gennaio 2019